terapia del quotidiano

 

Roma, 6 e 7 Dicembre 2018

Istituto Leonardo da Vinci

Via Cavour, 258 - Roma

 

Sono diversi anni che Psichiatria Democratica organizza occasioni di formazione che cercano diSono diversi anni che Psichiatria Democratica organizza occasioni di formazione che cercano diridare voce all’esperienza concreta degli operatori, proponendo uno sforzo di sintesi di pratiche eteorie.Questo Corso di Aggiornamento rispecchia tale impostazione sia dal punto di vista delle metodologiedi insegnamento (pluralità disciplinare dei docenti, spazio al lavoro di gruppo ed alla condivisionedelle azioni quotidiane) che da quello dei contenuti affrontati.Con questo Corso, Psichiatria Democratica mette al centro della riflessione proprio la questione dellapresa in carico della grave sofferenza mentale, a partire dalle pratiche che implicano approccicomplessi di cura, che prevedono condivisione duratura degli spazi e del tempo con i pazienti.D’altra parte, il fattore tempo (assieme allo spazio) rappresenta da sempre una categoria “decisiva”in salute mentale sia dal punto di vista nosografico, che come parametro definitorio dei programmi ditrattamento. Costituisce una delle chiavi principali attraverso le quali è possibile leggere l’essenzadella nostra operatività, del mandato istituzionale e le nostre doti di equilibrismo: l’eliminazione delsintomo nel minor tempo possibile ed i contenitori della cronicità, la logica delle relazioni e quelladelle prestazioni, l’influenza degli ambienti e dei contesti, ecc.E’ un fatto che uno dei cardini fondamentali della salute mentale dell’era post-manicomiale, attienealla necessità di programmare e realizzare attività che propongano un agire terapeutico che vada oltregli strumenti ed i canoni più tradizionali e che “intervenga” nel quotidiano delle persone. Gli aspettidel vivere di ogni giorno (lo stare insieme, l’abitare, la formazione, il lavoro, ecc,) costituiscono il“setting” entro il quale si declina il trattamento e dentro il quale i confini professionali e disciplinarisi deformano, assumendo configurazioni tutt’affatto da analizzare e comprendere. Sempre piùspesso, invece, questi versanti (socio-abilitativi-lavorativi) rappresentano la “provincia povera” degliassetti organizzativi, degli investimenti e delle prospettive professionali e appaiono sul punto disoccombere di fronte alla solidità di modelli riduzionistici presuntamente di maggiore “scientificità”.Al contrario, i percorsi formativi di Psichiatria Democratica, sono pensati come modelli attenti allacomplessità, capaci di mantenere vivi orizzonti di trasformazione, come un laboratorio, un cantierein continuo movimento di ricerca.La formazione riparte dall’analisi di ciò che accade nel quotidiano delle relazioni, dei contesti, deipoteri e prova a decifrare e trasmettere gli elementi cruciali che consentono di passare dalla semplicequalifica professionale alla ricchezza delle competenze.

Il Corso quindi, arricchito dalla pluralità di punti di vista disciplinari, si muoverà lungo due binari:Il Corso quindi, arricchito dalla pluralità di punti di vista disciplinari, si muoverà lungo due binari:- una riflessione maggiormente di tipo speculativo sui paradigmi complessi nella declinazionedella salute e della sofferenza mentale e le relative implicazioni epistemologiche;- una riflessione a partire dalla descrizione di esperienze concrete che si muovono in un’otticaantiistituzionale e che agiscono nel quotidiano.Sono previsti inoltre momenti di approfondimento che consentiranno di discutere e riflettere sullacultura e sulle pratiche dei servizi alla luce delle trasformazioni degli assetti organizzativi e dalgenerale impoverimento delle risorse.

 

 

PROGRAMMA COMPLETO

 

SCHEDA ISCRIZIONE

 

 

 
Aelleilpunto.it - Tutti i diritti riservati - Servizi Web Marketing